martedì 20 ottobre 2020

LA VITA RIPENSATA - Scelte alternative

 

Carissimi lettori,

ormai l'autunno è avviato; siamo stati con gioia a passeggiare nei boschi, a raccogliere i funghi e ci restano le castagne per il resto di ottobre sperando che le incognite della seconda ondata del Covid 19 non ci comportino nuove restrizioni e limiti di movimento.


Vi ho parlato recentemente del Dodstadning, letteralmente “la pulizia della morte” o più semplicemente l'abitudine nordica di sistemare la propria vita al fine di facilitare quelle degli altri. Bene, a proposito di Dodstadning, sicuramente un’azione terapeutica e funzionale sia per noi che per gli altri, è utile sapere che questa pratica potrebbe aiutarci anche a “sopravvivere” al cosiddetto Sammelwut, ossia l'ossessione compulsiva di collezionare vari oggetti incluso documenti, riviste e libri con particolare attenzione a questi ultimi perché in grado di rappresentare veri e propri pezzi del proprio passato da cui risulta difficile liberarsi.

Come fare, quindi, in questi casi?

Per quanto riguarda i documenti di casa, sappiate che esistono dei tempi massimi, di solito dieci anni, entro cui è consigliato conservarli. Alla fine di questi limiti di tempo però, sarebbe utile liberarsene e sono sicura che proverete - com'è stato anche per me – un gran piacere nel buttare “malloppi e malloppi” cartacei con l’unica preoccupazione di intasare il bidone bianco della carta (operazione peraltro dilazionabile a più riprese).

Per quanto riguarda invece i libri, consiglierei di conservare solo quei pochi a cui teniamo veramente e di donare gli altri a biblioteche minori, bancarelle e case di riposo, luoghi dove sicuramente troveranno nuova vita.  Soluzione ancora migliore sarebbe quella di porre i libri nelle cosiddette cassette di "scambio libri" che si trovano ormai in quasi tutte le piazze e i giardini delle nostre città: anche qui, sicuramente, i nostri vecchi libri saranno più utili che a noi.

Lo stesso dicasi delle foto, che consiglierei di eliminare nel caso in cui siano superflue, brutte o comunque non collegate a ricordi e momenti importanti della nostra vita. Le più belle suggerirei di metterle in ordine dentro ad un Album di Famiglia cronologico. Io ne regalai a suo tempo uno a mia mamma per il suo 80 ° compleanno e ricordo che apprezzò molto alcune foto di lei bambina più il Passaporto originale del 1892 che suo padre aveva usato per passare dalla Romagna alla Liguria! Questo però è un documento storico che anch'io terrò per mostrare ai nipoti.

Che ne pensate?

In attesa di commenti e suggerimenti, un caro saluto!

Clelia



Clelia

sabato 10 ottobre 2020

EMOZIONI COMUNQUE ....


Ho assistito oggi in diretta online alla Proclamazione dei Vincitori del Concorso Letterario a cui ho partecipato lo scorso giugno.

Era la prima esperienza di questa giovane Fondazione che ha deciso di lanciare un Concorso Letterario.

Similmente per la prima volta io partecipavo, non ho vinto ma è stato emozionante sapere che la mia opera è stata letta e valutata.

Peculiare che lo scritto sia stato rielaborato durante i mesi più cupi del COVID 19.

Rimane una leggera amarezza ... esattamente come l'aver cercato di aprire i frutti maturi di questa bella pianta di Fichi d'India; si ci pungono le dita ma è bello vedere la polpa rossa che scaturisce dai frutti chiusi, così belli e pure emozionanti.

Un caro saluto,

Clelia

venerdì 2 ottobre 2020

IL METEO SI ALLINEA AL COVID

Cari lettori,

Da due settimane ormai è finita l'estate, esattamente in data 21 settembre il clima caldo di un'estate tardiva ha lasciato il posto ad un autunno che puntualmente ci porta piogge e cieli plumbei.



Le spiagge ormai deserte sono bellissime, sferzate dalle onde su cui si riflettono i nuvoloni carichi di pioggia.

Il paesaggio sembra allinearsi alla ripresa dei contagi da Covid con tutte le conseguenze che cominciano a preoccuparci ... ma ancora tanta prudenza ed oculatezza nel distanziamento sociale.

A presto con nuovi messaggi più operativi,

un caro saluto,

Clelia

Cultura a CHIAVARI

       Cari Lettori, da oltre un mese non scrivo nulla, ma - a parziale discolpa - ho affrontato con successo un trasloco impegnativo propri...

BENVENUTI!